giovedì 13 gennaio 2011

Numero zero!

Allora si parte! Dopo tanto tempo, finalmente è giunto il momento dell’avvio del blog. Una lunga attesa, e adesso mi sento svuotato, le mani non hanno da scrivere, quasi tremano, la mente confusa. Devo fare un piccolo sforzo per concentrarmi qui, adesso. Il numero zero è sempre importante, quasi un piano programmatico.

La mia vita, la separazione, l’abbandono. Il dolore, il pianto, la gioia. La bellezza di Dio.

Ho ripreso ieri la macchina dal meccanico, e avrei dovuto riportarla oggi nel pomeriggio per terminare il lavoro. Urge, che domani devo andarci a Roma. Stamani quando parto per andare al lavoro, il mondo attorno è bianco, il gelo invernale consueto. Dopo una decina di chilometri mi rendo conto che l’ago della temperatura sta salendo indisturbato. Rapidissimamente elaboro la strategia, esco dalla superstrada appena posso e mi fermo. Non entra in funzione la seconda ventola. Poi accade che si scarica la batteria, poi insorgono problemi anche al radiatore. È un concerto in piena regola. È vero, questa macchina è stanca con i suoi 15 anni e forse meriterebbe un degno riposo, però contavo di usarla ancora per molto. Dovrei preoccuparmi, perché ho la sensazione che potremmo stare all’atto finale. Però la sola cosa che mi viene è di stare sereno, perché sto vivendo come i gigli dei campi, e se devo cambiare macchina in qualche modo, Qualcuno provvederà. Ho dolorosamente imparato, in questi anni, che più della mia parte non posso e non devo fare: poi bisogna mollare tutto nelle mani del Padre. Il mio dovere certo, nel mio piccolo, e poi perdere anche i problemi, le incognite, tutto.

Arriva poi la diagnosi: termostato rotto. Alla fine molto meno grave del prevedibile. Sarò senza macchina fino a lunedì, e domani come andrò? È tempo che mi metta ad organizzare il viaggio alternativo!

Alla fine, come sempre di recente, capisco che solo posso più vivere nella leggerezza di cuore, sulle ali del Vento…

Nessun commento:

Posta un commento